Springe zum Inhalt (Alt+0)
Springe zur Hauptnavigation (Alt+1)
Springe zur Subnavigation (Alt+2)

Sprache:


News

Riunione dell’IAML a Salisburgo

08. June, 2016

Riunione dell’IAML a Salisburgo

Argomenti di scottante attualità, trattati in una città tradizionale degli spettacoli: Erano questi gli ingredienti della Riunione annuale dell’European Chapter dell’International Academy of Matrimonial Lawyers (IAML), Associazione degli avvocati divorzisti di prim’ordine a livello mondiale, tenutasi a Salisburgo. 180 avvocati “top” provenienti da tutta l’Europa e da oltremare avevano accettato l’invito espresso dal Presidente europeo e avvocato di Vienna specializzato nel diritto di famiglia Dr. Alfred Kriegler, per discutere gli sviluppi attuali del diritto matrimoniale e di divorzio, sostenuto dagli “eroi locali”, gli avvocati Dr. Michael e la moglie Dr. Brigitta Pallauf, la nuova Presidente della Giunta Regionale del Salisburghese. A Salisburgo le porte si aprivano come per incanto, e si assisteva alle visite guidate organizzate dal Presidente della Fondazione Mozarteum, Avv. Dr. Johannes Honsig-Erlenburg, della Residenza e del Duomo, e alla musica eseguita –da lui personalmente – sul pianoforte originale di Mozart, il che entusiasmava particolarmente la comitiva. Questa cerchia esclusiva di partecipanti, alla quale bisogna avere un invito personale, ha approfittato abbondantemente dell’ambiente salisburghese per esercitare il networking e per ascoltare la musica da camera, presentata dal Trio IAML appena costituito (David Salter di Leeds, pianoforte, Tim Amos di Londra, viola, e Esther Lenkinski di Toronto, violino).

“Lo sviluppo sociale crea sempre nuove sfide anche per il diritto di famiglia”, diceva il Dr. Kriegler nel suo discorso inaugurale. Il matrimonio omosessuale, che attualmente suscita scalpore, particolarmente in Francia, ne è un esempio fra tranti. Un altro esempio, che nella prassi diventa sempre più frequente, è l’imposizione di diritti alimentari a livello transfrontaliero. Se un tedesco e una francese si conoscono in Svizzera, si sposano lì e stipulano un patto matrimoniale, anni dopo si trasferiscono in Inghilterra per divorziare lì – allora, il diritto di chi si applica? Anche se sembra essere un caso costruito, non lo è affatto. Il Dr. Robert Fucik, che presso il Ministero della Giustizia austriaco è responsabile tra l’altro del dipartimento delle convenzioni interstatali in materia familiare, ha fornito un contribuito interessante, illustrando la situazione austriaca. Il barrister Q.C. (Queen’s Council) Tim Amos ha descritto un caso pionieristico inglese in cui è stato riconosciuto da un giudice britannico, praticamente per la prima volta, un patto matrimoniale stipulato all’estero. Le discipline relative alla ripartizione del patrimonio coniugale, sancite nei sistemi giuridici più svariati, sono state comparate.

Ulteriori argomenti discussi nell’ambito della conferenza protrattasi per tre giorni, erano la lotta contro il matrimonio forzato fra bambini, del quale ha riferito l’esperta Anne-Marie Hutchison, nella quale l’Associazione IAML s’impegna molto, nonché le conseguenze delle nuove possibilità mediche di procreazione che comportano il fenomeno che i figli abbiano tre genitori.

Fra i punti culminanti della Riunione annuale vi erano anche due consegne: la giovane giurista londinese Claire Wood ha ricevuto il premio “European Chapter Annual Award for Young Family Lawyers”, dotato di 1.000 Euro, Martina Fasslabend, Presidente dell’associazione „Die Möwe“ [“Il gabbiano”], che offre assistenza a bambini e giovani abusati, ha potuto prendere in consegna dal Dr. Kriegler un assegno di 2.000 Euro, messo a disposizione dal European Chapter.

 

Drucken
Hoher Markt 1 1010 Wien
Tel: +43 1 533 42 65 Fax: +43 1 533 42 65-4